domenica 8 gennaio 2017

Quanti Modi di Fare e Rifare le Orecchiette con le cime di rapa

Eccomi appena in tempo al consueto appuntamento mensile con Quanti modi di fare e rifare, anche oggi mettiamo ben volentieri le mani in pasta per un piatto regionale le Orecchiette con le cime di rapa.
Quest'anno non è iniziato con i migliori auspici, l'ultimo dell'anno ed il primo con la febbre, poi per continuare in bellezza mi sono affettata due dita con l'affettatrice. Va beh, non mi perdo d'animo e visto gli eventi, non può che migliorare .Avendo la mano destra fasciata mi sono fatta aiutare da mio marito che devo dire si è pure divertito Ahahahahahahaha. Tutti i mali non vengono per nuocere, dice un proverbio....
Le orecchiette le avevo cucinate altre volte, ma mai con la ricetta tradizionale, ed è inutile dirlo, sono buonissime! Grazie Cuochina che porti nella mia cucina sempre profumi e sapori nuovi :-))

Ingredienti:

  • 150gr farina debole 
  • 150gr semola rimacinata
  • 100gr di acqua 
  • 1kg cime di rapa
  • Qualche acciuga sottolio già dissalata 
  • Uno spicchio d'aglio 
  • Olio evo qb 
  • Una manciata di Parmigiano grattugiato 
Ho impastato le farine con l'acqua e ho lasciato riposare l'impasto, coperto con la pellicola, una mezz'oretta. Poi l'ho diviso in pezzi e ho fatto dei rotolini come per fare gli gnocchi, ho tagliato dei pezzettini piccoli che ho schiacciato con la punta del coltello formando così le orecchiette, e man mano che le facevo le disponevo sul tavolo leggermente infarinato. 
Ho pulito e tolto i costoni più duri alle cime di rapa e le ho fatte bollire in abbondante acqua non salata. A parte ho messo in una capiente padella olio e aglio e l'ho fatto soffriggere, quindi ho tolto l'aglio. Ho messo le acciughe e le ho fatte sciogliere nell'olio insaporito con l'aglio. Quando le cime di rapa sono cotte ho aggiunto le orecchiette nella stessa pentola e dopo pochi minuti sono venute a galla. Ho scolato tutto insieme lasciando un po' di acqua e ho buttato il tutto nella pentola con il condimento. Ho saltato la pasta e ho messo una spolverata di parmigiano. Buone, buone e che profumino. Al solito ho fatto fatica a fare le foto con tre affamati che mi guardavano imploranti Ahahahahahahaha!!

GRAZIE CUOCHINA
il 12 febbraio 2017 realizzeremo
 La   Cicerchiata

domenica 18 dicembre 2016

Quanti modi di ... Fare Natale con Albero di brioche, Corona di pane e Stelle

Con la Cuochina per l'iniziativa Quanti modi di...fare Natale con noi, di Anna e Ornella, nella bellissima cucina di Quanti Modi di Fare e Rifare, ci siamo dati da fare con tante ricette che spero possano ispirare molte persone, in cerca di nuove idee natalizie!

E sono sicura di trovare  anch'io (come sempre) delle golosità da provare per il Natale che sta alle porte. Io ho preparato: l'Albero di brioche, la Corona di pane e delle Stelle

Albero di brioche
Ingredienti:
  • 300 g farina Manitoba
  • 150 g licoli attivissimo o poolish
  • 120 g zucchero
  • 50 g latte
  • 90 g burro fuso
  • 2 uova
  • buccia di arancia
  • vaniglia
  • sale un pizzico
  • un vasetto di crema alla nocciola
  • smartis per decorare
Per chi non usa licoli, ecco come fare un poolish con il lievito di birra che equivale a licoli: mescolare 75 g di acqua 75 g farina di forza e 5 g di lievito di birra disidratato.
Con il poolish, il tempo della lievitazione è diverso da licoli,  per cui bisogna tenere d'occhio la lievitazione dell'impasto perché sicuramente ci vorrà meno tempo.
La sera: in un recipiente mettere licoli, latte, uova, zucchero, vaniglia e burro fuso. Mescolare bene con la frusta, aggiungere tutta in una volta la farina setacciata, mescolare alla meglio (non importa se è pieno di grumi), l'importante è che tutti i liquidi e la farina siano amalgamati. L'impasto si presenta molto morbido e appiccicoso, ma va bene così: NON AGGIUNGERE MAI ALTRA FARINA. Ogni mezz'ora, senza togliere l'impasto dalla ciotola, fare delle pieghe a fazzoletto, cioè prendere un lato della pasta e portarla verso il centro, continuando sino a fare tutto il giro. Coprire con la pellicola. All'inizio si appiccica molto alle dita. Ripetere questa operazione ogni mezz'ora, 5-6 volte circa. Man mano che si susseguono le pieghe, l'impasto diventa sempre meno appiccicoso e più elastico. Mettere nel forno spento per tutta la notte, coperto.
Al mattino io l'ho trovato bello gonfio. Ho messo un pentolino con dell'acqua sul fuoco e quando stava per bollire ho spento e ho immerso il barattolo della crema alla nocciola per scaldarla un po' così diventa molto più facile stenderla sulla brioche. Mettere sul tavolo poca farina, rovesciare l'impasto e fare una piega a tre. Dividere in tre parti uguali e tirare con il matterello fino a uno spessore di circa mezzo centimetro. Disporre le sfoglie su carta forno (in questo modo poi sarà più semplice sovrapporle). Prendere la prima sfoglia che è già su carta forno, spalmare la crema tiepida. Sovrapporre la seconda sfoglia e spalmare la crema. Infine soprapporre la terza sfoglia. Coprire con la pellicola e mettere per un'ora in frigo (in seguito sarà più facile tagliarlo).
Dopo il riposo in frigo, con un righello e una spatola segnare un rettangolo e tagliare con la rotella taglia pizza. Segnare anche i rami e tagliarli accuratamente. Arrotolare un ramo per volta dal basso verso l'alto.
Laciare lievitare per circa 4 ore e infornare a 180 gradi per circa 30 minuti.
Una volta freddo, decorare con gli smartis colorati.
I ritagli non li ho buttati, li ho fatti cuocere e mangiati a colazione, sono buoni come brioche.

Corona di pane

Impasto base nr. 3 della Cuochina
Ingredienti:
  • 270g licoli molto attivo o poolish
  • 630g farina (450g farina di semola rimacinata e 180g di farina 0)
  • 315g acqua
  • 15g sale
  • un cucchiaino di miele
Poolish:
Per chi vuole usare il lievito di birra sostituire licoli facendo un poolish con 135g di farina 135g di acqua e 5g di lievito di birra. Lasciare lievitare e poi procedere come la ricetta tenendo conto che i tempi di lievitazione saranno diversi.
*Sciogliere licoli nell'acqua, aggiungere le farine setacciate e impastare per due minuti.
Far riposare 30 minuti (autolisi), aggiungere il sale e impastare per altri 15 minuti circa, l'impasto deve risultare liscio, morbido ma non appiccicoso.
Mettere poca farina sul tavolo e dare forza all'impasto con delle pieghe. Fatto questo, formare una palla, mettere l'impasto in un contenitore unto con poco olio, coprire bene con la pellicola e far lievitare al caldo per tre ore. Quindi avvolgerlo in una busta di plastica e mettere in frigorifero per tutta la notte.* Al mattino, dopo averlo lasciato a temperatura ambiente per circa un'ora, versare l'impasto sul tavolo infarinato, dividerlo in 9 pezzi uguali e fare dei panini tondi Prendere poi uno di questi e con il matterello stendere una sfoglia rotonda sottile. Sopra la carta forno adagiare i rimanenti 8 panini leggermente distanziati. Con un coltellino affilato fare dei tagli in corrispondenza di ciascun panino e sovrapporre il triangolo così ottenuto. Fare un taglietto centrale al triangolo e altri piccoli ai lati in modo che sembri una foglia.
Coprire con la pellicola e lasciare lievitare per circa 4 ore. Accendere il forno a 200 gradi e quando ha raggiunto la temperatura infornare la corona per circa 20 minuti o fino a doratura.
Al centro ho messo delle roselline rosse e una candela.
 


Stelle
Gli ingredienti delle stelle sono uguali a quelli della corona come anche il procedimento da * a*. Con queste dosi vengono 12 stelle. Io ho fatto sei stelle e tre coroncine. In più servono semi di sesamo nero, semi di lino e semi di chia.
Al mattino dopo il riposo ho diviso l'impasto in due (volendo fare sei stelle).Ho diviso una parte in sei (le stelle) e l'altro pezzo in tre (le coroncine).

Per le stelle ho fatto dei panini tondi poi li ho appiattiti con il matterello (non dovrebbe servire farina) dello spessore di circa un centimetro. Versare i semi in tre piattini e mettere i panini uno alla volta nel piatto premendo bene in modo che i semi si appiccicano bene. Ne ho fatti due per tipo.
Sul tavolo fare tre incisioni (come si vede nella foto) poi rovesciare le punte verso l'esterno e con molta cura mettere su carta forno. Lasciare lievitare per circa 4 ore coperte da pellicola.
Le coroncine le ho formate facendo un rotolino che poi ho unito ad anello. Prima di infornare ho fatto dei tagli con la forbice, la cottura e uguale alle stelle.
Infornare a 200 gradi per circa 15 minuti .

 

Ecco due esempi di come usare le stelle:
Portacandela          -          Porta tovagliolo          -          Ecco le coroncine



Tanti auguri a tutti :-)))







domenica 11 dicembre 2016

Quanti Modi di Fare e Rifare I biscotti allo zenzero per Natale

E' già dicembre, come passa il tempo! Eccomi qua, puntuale all'iniziativa di Anna e Ornella di Quanti Modi di Fare e Rifare.
Questo mese andiamo nella profumata cucina della nostra cara amica Maria Vittoria e Braccio Destro del blog: Semplice semplice per realizzare: I Biscotti allo zenzero per Natale
Altra ricetta, mai fatta, conservata nel cassetto.. ma grazie alla Cuochina di Quanti Modi di fare e rifare li ho finalmente preparati e ne valeva veramente la pena perché sono buonissimi e nel cuocere sprigionano un profumo che inonda tutta la casa.
Grazie Maria Vittoria di averceli proposti :-))
                                                            
Ingredienti:
  • 450 g di farina di cui:350 g di farina 00 - 100 g di amido di mais o di frumento - 50 g di fecola di patate 
  • 2 1/2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato 
  • 2 1/2 cucchiaini di cannella in polvere 
  • 1 bacca di vaniglia 
  • 1 bustina di lievito per dolci 
  • 1 pizzico di sale 
  • 60 g di zucchero bianco (semolato) 
  • 60 g di zucchero di canna 
  • 160 g di miele millefiori 
  • 200 g di burro a temperatura ambiente 
  • 1 uovo 
  • Zucchero e cannella qb per la finitura 
  • Zucchero a velo e un goccio d'acqua per la decorazione 
Ho mescolato bene il burro con lo zucchero, ho unito l'uovo e l'ho fatto incorporare. Ho aggiunto lo zenzero, la vaniglia, la cannella, il sale e infine le farine miscelate bene. Ho fatto una palla, l'ho avvolta nella pellicola e l'ho riposta in frigo fino al giorno dopo.
Il mattino seguente ho tirato con il matterello una sfoglia dallo spessore di circa 5 mm, ho tagliato i biscotti con le formine e prima di metterli sulla carta forno li ho passati, (solamente da una parte, quella che rimane direttamente esposta al calore) nello zucchero e cannella miscelati. Ho acceso il forno modalità vapore a 180 gradi e li ho fatti cuocere per circa 15 minuti.
Una volta cotti li ho fatti raffreddare sulla griglia. Ho mescolato poco zucchero a velo con qualche goccia d'acqua e ho tentato di fare qualche decoro. 
Ahahahah ammetto la mia incapacità nel decorare.......
Buonissimiiiiiiiii che dire, mangiati tutti :-)))

L'8 gennaio 2017 per Quanti modi di fare e rifare realizzeremo


Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...